Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Passaporti e Carte d’identità

NOTA: tutti i moduli cui si fa riferimento in questa pagina (ad es. PASS01…) sono reperibili nella sezione “Modulistica” (clicca qui).

INFORMAZIONI GENERALI

Al momento, le Carte d’Identita’ vengono rilasciate solo dai Comuni in Italia e dalle autorita’ consolari nei Paesi UE. I nostri uffici non sono  attualmente abilitati alla loro emissione.

 

PASSAPORTI

Per il rilascio o rinnovo del passaporto, il cittadino italiano residente nelle Provincie dell’Alberta, British Columbia, Saskatchewan e Yukon deve inviare il Foglio Informativo per Aggiornamento Dati, compilato e firmato, per emailpassaporti.vancouver@esteri.it.

Foglio Informativo per richiedenti maggiorenni: PASS01v1

Foglio Informativo per richiedenti minorenni: PASS02v1

Coloro che non possiedono un recapito di posta elettronica, possono inviarlo per posta ordinaria o per fax, o anche presentarlo personalmente al Consolato Generale in Vancouver, allo Sportello Consolare in Edmonton, oppure ad un Consolato Onorario o ad un Corrispondente Consolare operante in questa circoscrizione consolare (v. rete consolare).
Entro dieci giorni lavorativi dal ricevimento del Foglio Informativo, l’Ufficio Passaporti risponderà via email con l’esito della verifica.
Se il richiedente è sposato, ha figli minori, è divorziato o vedovo, potranno essere richiesti i relativi atti di stato civile in originale, qualora questi eventi non risultino già registrati in Italia (per maggiori informazioni vedasi pagina sullo Stato Civile).

NOTA BENE: il tempo di attesa per ottenere un appuntamento per il rilascio del passaporto presso il Consolato di Vancouver è al momento di circa 5 mesi.

INFORMAZIONI PER RICHIEDENTI MAGGIORENNI

La presenza in Consolato del cittadino italiano, oltre che per una corretta identificazione, è indispensabile ai fini dell’acquisizione delle sue impronte digitali e della firma in formato elettronico.

Il richiedente deve portare con sé:
1) il precedente passaporto italiano; se non disponibile, o scaduto, servirà anche un secondo documento di identificazione (ad es. Patente di guida o passaporto canadese, o Carta di Identità italiana, ecc)

2) il pagamento della tariffa consolare (v. sotto)
All’atto della presentazione della domanda, salvo carenza di documentazione necessaria per l’espletamento dell’iter procedurale, al connazionale sarà indicata una data per il ritiro del passaporto. Il passaporto può essere inviato, con spese a carico dell’interessato, al domicilio del richiedente.

Il passaporto per i maggiorenni è valido 10 anni.

N.B.: Perché un italiano residente all’estero ottenga il passaporto, è necessario che sia iscritto all’A.I.R.E. di un Comune italiano (AIRE)

COSTO

Il costo del rilascio del passaporto, indipendentemente dalla sua validità (3-5 o 10 anni), è di Euro 116,00 da pagare esclusivamente in dollari canadesi. Il corrispondente valore in Dollari Canadesi è pubblicato nella Tabella dei Diritti Consolari sotto la voce Modulistica.
Il pagamento del passaporto avviene in dollari canadesi. L’Ufficio Passaporti di Vancouver accetta sia contanti (si prega di portare la somma esatta) sia Money Order o Bank Draft (assegno circolare bancario); lo Sportello Consolare di Edmonton e il Consolato Onorario di Calgary (come pure funzionario in missione nella circoscrizione) invece accetta ESCLUSIVAMENTE Money Order o Bank Draft. Non si accettano assegni personali, né carte di credito o bancomat.

 

INFORMAZIONI PER MINORENNI

Al minore di età inferiore ai 12 anni non vengono rilevate le impronte digitali, quindi la presenza negli uffici consolari del figlio minorenne non è necessaria. All’atto della ricezione del Foglio Informativo per minorenni (PASS02v1), ai genitori richiedenti l’Ufficio Passaporti fornirà istruzioni per effettuare la procedura per posta.

Qualora il minore già disponga di documenti di identità, anche se di diversa nazionalità, ciò consentirà di agevolare il controllo dei dati anagrafici e la sua identificazione.

A partire dal 25 novembre 2009, tutti i minori devono essere muniti di un passaporto individuale la cui validità temporale è differenziata in base all’età:
3 anni per i minori da 0 a 3 anni;
5 anni per i minori da 3 anni fino al compimento della maggiore età.

Il Foglio Informativo Dati deve essere firmato da entrambi i genitori. Il genitore italiano o cittadino dell’Unione Europea che si trovasse fuori dalla circoscrizione consolare potrà firmare il modulo di assenso PASS04a separatamente e farlo pervenire al Consolato anche via email (purché dal proprio indirizzo email personale), assieme a copia del proprio passaporto UE valido. Il genitore che non sia cittadino italiano o di un Paese UE potrà firmare il modulo di assenso PASS04 in presenza di un funzionario dell’autorità italiana (Questura se in Italia, Ufficio Consolare o Notaio se all’estero) e farlo pervenire in originale o via PEC al Consolato.

INFORMAZIONI PER GENITORI CON FIGLI MINORI

Atto di assenso

Ai sensi del D.L. 69/2023, a partire dal 14 giugno 2023, un genitore di figli minori non deve più presentare l’assenso dell’altro genitore ai fini del rilascio del proprio passaporto. L’attuale normativa prevede che, quando vi sia concreto e attuale pericolo che a causa del trasferimento all’estero il genitore richiedente il passaporto possa sottrarsi all’adempimento dei suoi obblighi verso i figli, sarà possibile per l’altro genitore richiedere una inibitoria al rilascio del documento fino a un massimo di due anni. L’istanza potrà essere presentata presso il giudice competente presso il Tribunale ordinario in cui il minore ha la residenza abituale ovvero, se il minore è residente all’estero, il Tribunale nel cui circondario si trova il suo Comune di iscrizione AIRE.

Ai fini del rilascio dei documenti per i minori, invece, resta l’obbligo dell’assenso firmato da entrambi i genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale.

Caso in cui uno dei genitori si rifiuti di firmare l’atto di assenso
Nel caso in cui l’altro genitore rifiuti di concedere il proprio assenso, sarà necessario presentare un’istanza al Giudice Tutelare. Il Console Generale di Vancouver esercita le funzioni di Giudice Tutelare per i minori residenti/iscritti nella circoscrizione di questo Consolato Generale. La documentazione per la richiesta di passaporto per il figlio minore, corredata dalla richiesta di ricorso al Giudice Tutelare, deve essere trasmessa via posta all’Ufficio Passaporti di questo Consolato Generale. La procedura può impiegare diverse settimane per giungere a conclusione.

Dichiarazione di accompagnamento
Ogni volta che un minore di anni 14 deve recarsi all’estero è necessario che sia accompagnato da uno dei genitori o da chi ne fa le veci.
Una dichiarazione di accompagnamento (PASS05) è quindi necessaria per minori sotto i 14 anni che viaggiano da soli o senza i propri genitori.
In questo caso, uno dei genitori del minore, residente nella circoscrizione di questo Consolato, che si appresti ad intraprendere un viaggio di sola andata o di andata e ritorno non accompagnato da alcun genitore (potrà essere accompagnato da terze persone, anche a lui legate da rapporti di parentela, o affidato alla compagnia aerea) dovrà compilare il modulo PASS05 e inviarlo al Consolato assieme a:

  • copia del passaporto del minore che viaggia
  • copia del documento di viaggio valido di ciascun accompagnatore
  • copia del biglietto aereo di ciascun viaggiatore
  • copia del passaporto italiano (o di altra nazionalità) dei genitori

Sulla base di tale documentazione, il Consolato rilascerà una “Attestazione di Accompagnamento” che sarà valida solo per il viaggio oggetto della Dichiarazione.

Se il minore di anni 14 viaggia con un solo genitore, per la legislazione italiana non è necessario che al passaporto del minore sia allegata la dichiarazione di accompagno in quanto i dati anagrafici (anche in inglese e francese) dei genitori viventi sono indicati alla pag. 5 del libretto del passaporto.

 CITTADINI NON STABILMENTE RESIDENTI NELLA CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE
In casi eccezionali, o di comprovata necessità e urgenza, i cittadini italiani che hanno bisogno di richiedere il rilascio del passaporto mentre sono lontani dal loro luogo di residenza, possono farne domanda al Consolato italiano del luogo in cui si trovano temporaneamente.
Il Consolato italiano  è solamente un rappresentante dell’Ufficio (Questura o altro Consolato italiano) al quale ci si sarebbe dovuti rivolgere in base alla residenza effettiva; qualora l’istanza avanzata dall’interessato presenti effettivamente carattere di eccezionalità e sia supportata da documenti giustificativi, il Consolato italiano potrà richiedere all’Ufficio competente l’autorizzazione (delega) al rilascio del passaporto e non potrà completare la pratica finché detto Ufficio non avrà dato l’autorizzazione al rilascio.

 

CASI PARTICOLARI

Il richiedente non è nato in Italia
La nascita all’estero di un cittadino deve essere registrata, generalmente, nel Comune italiano di riferimento del genitore italiano. In assenza della conferma della trascrizione della nascita e della registrazione all’AIRE da parte di un Comune italiano non si potrà ancora procedere alla richiesta del passaporto.
Per maggiori informazioni consultare la pagina relativa allo Stato civile.

Passaporto rilasciato in data anteriore al 15/8/1992 e mai rinnovato, in data successiva, dal Consolato Generale in Vancouver
I cittadini che possiedono solo la cittadinanza italiana devono esibire la “Permanent resident Card”. In alternativa è richiesto il “Search of Citizenship Records”. Coloro che hanno acquistato altre cittadinanze devono esibire il certificato di cittadinanza rilasciato da uno Stato estero con l’indicazione esatta del giorno, mese e anno di acquisto della cittadinanza straniera.
Nel caso di acquisto della cittadinanza canadese è richiesto il certificato di cittadinanza canadese “large-size” con l’indicazione esatta del giorno, mese e anno di acquisto della cittadinanza canadese.

Smarrimento o furto di passaporto
In caso di smarrimento o furto del passaporto è necessario presentare subito denuncia alla Polizia locale.
Dopo tale adempimento è possibile richiedere un nuovo passaporto portando:
– copia della denuncia o lettera della Polizia in cui si dichiara che è stata presentata denuncia di smarrimento o furto di passaporto;
– un valido documento di riconoscimento con fotografia;
– “Permanent Resident Card” (per coloro che non sono cittadini canadesi).
Sarà anche necessario dovrà compilare una dichiarazione relativa allo smarrimento o furto del passaporto (PASS06), che andrà firmata in Consolato se il dichiarante non è cittadino U.E.

Smarrimento o furto del passaporto – procedura per non residenti
In caso di smarrimento o furto del passaporto è necessario presentare subito denuncia alla Polizia Locale. Dopo tale adempimento è possibile richiedere un Emergency Travel Document (ETD) presentando presso questo Consolato Generale:
1) modulo di domanda compilato: PASS07 se per maggiorenni, PASS08 se per minorenni;
2) copia della denuncia o lettera della Polizia in cui si dichiara che è stata presentata denuncia di smarrimento o furto di passaporto;
3) un valido documento di riconoscimento con fotografia;
4) due fotografie a colori recenti (non oltre 6 mesi), di buona qualità, 3.5 x 4.5 cm, a colori su sfondo bianco;
5) fotocopia del documento smarrito;
6) prenotazione aerea di rientro in Italia o nel Paese di residenza con indicazione dei transiti di frontiera.

Il documento permette soltanto il rientro nel Paese di residenza ed è valido per un solo viaggio. Il costo dell’ETD è riportato nella Tabella dei  diritti consolari.

PROCEDURA DI URGENZA

Solo in casi di assoluta e documentata urgenza (improvvisa necessità di viaggiare per gravissimi motivi personali/familiari o impellenti obblighi di lavoro) è possibile richiedere un passaporto secondo la procedura d’urgenza.
L’urgenza deve essere giustificata da:

– gravi condizioni di salute di un familiare all’estero, comprovati da certificato medico e corredati da una lettera del richiedente che spieghi le ragioni per cui si richiede la procedura d’urgenza;

– gravi ragioni familiari: in questo caso sarà necessaria un’istanza dettagliata del richiedente, possibilmente corredata di documentazione a sostegno;

– improrogabili necessità di lavoro, comprovate da richiesta motivata e dettagliata su carta intestata del datore di lavoro, eventualmente corredata di documentazione giustificativa (ad es. iscrizioni a convegni internazionali ecc.)

Qualora venga riconosciuta la necessità di procedere d’urgenza, verranno applicati i relativi diritti, di cui alla Tabella dei Diritti Consolari consultabile alla pagina “Modulistica” (art. 74) e il passaporto verrà emesso entro 24 ore dalla ricezione di tutta la documentazione normalmente richiesta per il passaporto oltre a quella necessaria per l’urgenza.

La procedura d’urgenza si riconosce di norma solo all’interessato, non a suoi familiari o conoscenti.

Si prega di non acquistare biglietti aerei o altri titoli di viaggio prima di aver contattato il Consolato. Il possesso di un titolo di viaggio NON viene considerato sufficiente a documentare l’urgenza.

Ultimo aggiornamento: 15/06/2023